sabato 7 novembre 2009

Giovacchino Carradori

Arriva alla poesia piuttosto tardi; più esattamente quando non è più oberato dagli impegni di lavoro...
Scrive in maniera estemporanea e i temi, quasi esclusivi, della sua poesia sono: la fede, gli affetti familiari e le occasioni particolari. Scrive poesie in lingua, ma anche in vernacolo.
E’ molto legato al suo paese natale: Villa Lempa.

Le poesie sono lette dall'autore

La sagra de La Lempa



Carissimi paisane e ferastiere,
stavodda se farà na sagra nova
da fa leccà li baffe ‘mpuó de sere
d’aùste e sarié come ‘nda na prova.

Che se va ‘bbè, ugn’anne se spremènta
ca’ piatte defferente a lu menù,
presèmpie preferènne na pelenta
‘nche li fasciuole, sennò li maccarù

che fu chiamate de lu machenà,
ve li cagneme ‘nche na matresciana,
ch’è na pertata che se pò vantà
d’esse abruzzese, de terra aquilana

Lu prim’Abruzze nasce iecc’a ‘nnù,
e nu quinde, perciò sogna defenne
la storia nostra. Oh! Li chiacchiarù
de llà de li chembìne, che pretènne?

Presempie, la mentagna de li Fiuore,
ch’è d’Ascule feùra ‘ncacche carta,
che Terma era picena e sott’a lore,
mentre i Pretuzi, stava ‘nchesta parte.

Perciò ugn’anne pe na tradezione
magnemece fasciuole, chetarra e li fregnacce,
acchempagnéme tutte ‘nche tante vì llu buone
e steme allegre ‘nsiembra, faccia a facce.


Memorie di un ottuagenario



Sci benedetta sempre ‘sta Madonna
de lu Sbiannore che so cunesciuta
da quand’era frechì e la famìa
menava a la marina da su ‘monde.

Una o ddó vodde a l’anne se sallava
a lu cunviente pe la Santa Messa,
mamma, papà e tutte e tre li fije
e nonna, se petava, pure jessa.

Quante recuorde de ‘lla bella età!
‘nche tante amice che s’aretrevava
‘nziembr’a ‘lli nuostr’ e chille de papà.

Tutta la matenata se passava
a corre tra jó l’acqua e lu ‘mbrelló
e dope miezze iuorne se iecava
a tamburell’, a bocce e l’aqueló.

La sera se cenava ‘mbuó cchhiù preste,
ugnune smaniàva de ulìa
d’arrevà prima llà lu cirche equestre
de Franzi, Mezzometro e cumbagnia.

Lu munne era cchiù bielle e sé pecché?
la gend’era cuntenta e spensierata
e quelle che te tenava j’avastié.

Si migliorava pure, con prudenza,
con i consumi senza frenesia,
ma un pensiero di riconoscenza
chiudeva il giorno in un’Ave Maria.


A te mia cara Anna Maria



Quando d’intorno infuria la tormenta
o in fronte ti corruga qualche cruccio,
stacca la spina di collegamento,
solleva il capo e cascherà il cappuccio

che t’opprimeva e ti chiudea alla vista
il libero orizzonte. Tu rivedrai
tutti i sentieri ch’erano la pista
dei passi nostri, quando lieti, gai,

risalivamo dalle balze al monte
cogliendo qualche fragola ed un fiore.
Tu mi seguivi coraggiosa e pronte
stendevi le manine con stupore:

scoprivi, prima volta nella vita,
le meraviglie sparse nel creato
dal Padre per la Cui bontà infinita
il popolo può essere beato.

Io te, ringrazio, cara mia figlioccia
di ricordarmi ancor che prima sei
della nidiata e Mamma era la chioccia
di tutti voi: nipoti e figli miei.

Nessun commento:

Posta un commento